Molti videomaker non utilizzano il filtro ND e quando hanno bisogno di scurire l’immagine chiudono il diaframma, abbassano gli ISO e per ultimo alzano più del doppio del frame rate in cui si sta registrando il video la velocità di scatto. Un grossissimo errore.

Alzare la velocità di scatto più del doppio del frame rate è un errore perchè il nostro video non sarà più fluido ma diventerà “scattoso”.

Per esempio, se stiamo registrando un video a 24 fps (frame per second) la velocità di scatto corretta è di 1/50 di secondo, se invece vogliamo registrare in slow motion quindi a 60 fps la velocità di scatto corretta è 1/125 di secondo. Se non si rispetta questa regola il video può risultare “mosso” in caso utilizziamo una velocità più lenta del doppio del frame rate o “scattosa” se è più altra.

In una situazione molto luminosa dove vogliamo aprire il diaframma per ottenere un effetto sfocato come sfondo del nostro soggetto e gli ISO sono già al minimo abbiamo bisogno di utilizzare un filtro ND che scurendo la lente ci permette di aprire il diaframma e ottenere l’effetto desiderato.

In fotografia il filtro ND è molto utilizzato per fotografare i fiumi e cascate e ottenere il movimento “mosso” dell’acqua che scorre e la fotografia esposta correttamente.

In parole spicce il filtro ND è l’occhiale da sole per la nostra videocamera! 🙂

Qui di seguito il mio video dedicato al filtro ND. Buona Visione.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *